vendi il tuo PC
vendi il tuo PC
La prima rete di computer quantistici: debutto nel 2023, anche in Italia
Condividi:
Nel 2023 anche in Italia arriverà la prima rete di computer quantistici Arriva, infatti, in Europa la prima rete di computer quantistici. La notizia era trapelata già qualche anno fa, ma sembra che il progetto diventerà realtà a partire dal prossimo 2023. "I primi computer quantistici sono stati costruiti grazie al programma flagship sulle Tecnologie quantistiche della Commissione Europa: uno è a Parigi e uno è a Jülich ed entrambi sono a disposizione di ricerca e industria per sviluppare nuove applicazioni". Ad affermarlo è stato uno dei principali esperti di informatica quantistica, Tommaso Calarco, direttore dell’istituto tedesco per il controllo quantistico Peter Grünberg Institute presso il Centro di Ricerche di Jülich, una città vicino Colonia. E’ stato già organizzato un nuovo un bando che prevede di ampliare questa rete a partire dal 2024, dando la possibilità ad altri Paesi di acquistare altri quattro o sei computer. L’Italia ha subito presentato domanda per partecipare al futuro progetto di espansione. L’obiettivo è quello di acquisire uno di quei computer da installare a Bologna e di utilizzare poi nell’ambito di un progetto approvato con il Recovery Fund, un progetto che prevede la partecipazione di altri enti di ricerca nazionale. Ma cosa rende così importante il computer quantistico? Sicuramente la sua velocità di elaborazione rispetto ai sistemi tradizionali, proprio grazie ai principi di calcolo quantistico su cui si fonda. In generale, la fisica quantistica introduce una variazione profonda,che spinge a ripensare i principi e i fondamenti teorici e pratici su cui si basa l’informatica tradizionale. Il calcolo quantistico potrebbe consentire scoperte ed essere applicato in maniera rivoluzionare in moltissimi settori della nostra società:
  • apprendimento automatico: machine learning migliorato grazie a una struttura previsionale più rapida (dovuta al calcolo parallelo). Gli esempi includono macchine di Boltzmann (ossia modelli grafici probabilistici), macchine di Boltzmann quantistiche, apprendimento semi-supervisionato, apprendimento non supervisionato e apprendimento profondo (Deep Learning);
  • intelligenza artificiale: calcoli più veloci potrebbero migliorare la percezione, la comprensione e la diagnosi dei guasti del circuito/classificatori binari;
  • chimica: nuovi fertilizzanti, catalizzatori, prodotti chimici per batterie apporteranno enormi miglioramenti nell’utilizzo delle risorse;
  • biochimica: nuovi farmaci, farmaci su misura, medicina personalizzata;
  • finanza: il calcolo quantistico potrebbe consentire le cosiddette “simulazioni Monte Carlo” più rapide e complesse. Ad esempio nell’ambito del trading, ottimizzazione delle “traiettorie”, instabilità del mercato, ottimizzazione dei prezzi e strategie di copertura.
  • medicina e salute: il sequenziamento del gene del DNA, come l’ottimizzazione del trattamento con radioterapia / il rilevamento del tumore al cervello, potrebbero essere eseguiti in pochi secondi anziché in ore o settimane.
  • materiali: materiali super resistenti; vernici anticorrosive; lubrificanti; semiconduttori… la ricerca potrebbe essere di molto accelerata grazie a calcoli super veloci;
  • informatica: funzioni di ricerca multidimensionale più veloci; ad esempio, ottimizzazione delle query, calcoli matematici e simulazioni.

Seguici per altre curiosità, e clicca per leggere tutti i nostri articoli!

Fonte

Prodotti in Offerta
Ultimi Arrivi
Blog Rinovo
l11
Stanco del tuo PC? Noi lo compriamo!
Valutazione gratuita in pochi step
Configura il tuo Pc
Tag